venerdì 2 febbraio 2018

FESTA DI CANDELORA A PRATO

Oggi 2 febbraio, primo Venerdì del mese, nella parrocchia del S. Cuore di Gesù in via Ofanto a Prato, alle ore 21 sarà celebrata la benedizione delle candele, seguita dalla tradizionale processione e dalla S. Messa della festa della Purificazione della B.V. Maria. Celebrerà il parroco mons. Vittorio Aiazzi, canonico della Cattedrale.


giovedì 1 febbraio 2018

FESTA DI CANDELORA A POGGIBONSI (SI)

Al castello della Magione di Poggibonsi (SI), casa dell'Ordo Militiæ Templi, domani 2 febbraio alle ore 18:30 sarà celebrata la S. Messa, secondo la forma extraordinaria e con la benedizione delle candele, in occasione della festa della Purificazione della B.V. Maria.


lunedì 29 gennaio 2018

AVVISO DA ISTIA D'OMBRONE (GR)

L'Associazione "Madonna delle Grazie" comunica che venerdì 2 febbraio, primo Venerdì del mese, sarà celebrata la S. Messa nella forma extraordinaria nella chiesa di S. Sebastiano a Istia d'Ombrone, alle ore 18:30; prima della S. Messa, alle ore 18:00, sarà recitato il S. Rosario.

sabato 27 gennaio 2018

AVVISO: RITIRO SPIRITUALE QUARESIMALE SABATO 24 FEBBRAIO

Sabato 24 febbraio, presso l'Oratorio di S. Francesco Poverino in piazza della SS. Annunziata a Firenze, si terrà il ritiro spirituale per la Quaresima organizzato dal nostro Coordinamento e aperto a tutti. Predicherà e celebrerà il can. Federico Pozza, I.C.R.S.P. rettore della chiesa dei Ss. Michele e Gaetano in Firenze.



















Programma: 

ore 10: Ritrovo dei partecipanti presso l'Oratorio di S. Francesco Poverino

ore 10.15: Recita del S. Rosario

ore 10.30: Prima conferenza spirituale; tempo per meditazione e confessioni

ore 12: S. Messa

ore 13: Pranzo al sacco (con possibilità, per chi lo desidera, di recarsi presso bar o ristoranti)

ore 14.30: Seconda conferenza spirituale

ore 15.30: Benedizione eucaristica e preghiera conclusiva

ore 16.15 circa: conclusione del ritiro e congedo dei partecipanti

Il ritiro è aperto a chiunque; non occorre alcuna registrazione preventiva. Si può partecipare anche solo ad alcuni momenti del ritiro (ad esempio alla sola fase mattutina o a quella pomeridiana).




domenica 24 dicembre 2017

AVVISO DA PISA

Nel periodo delle prossime feste di Natale, nella chiesa di S. Apollonia in via S. Apollonia in Pisa le celebrazioni seguiranno il seguente orario:

Sabato 30 dicembre, h. 18:00, S. Messa della Domenica nell'Ottava di Natale (prefestiva)
Venerdì 5 gennaio, h. 18:00, S. Messa dell'Epifania (prefestiva)

N.B. Per impegni del celebrante, NON saranno celebrate le S. Messe per il Natale, l'Ottava (1° gennaio) e la Festa della S. Famiglia (domenica 7 gennaio). A partire da sabato 13 gennaio, riprenderà regolarmente la celebrazione della S. Messa "prefestiva" della Domenica, come di consueto alle ore 18:00, preceduta dalla recita del S. Rosario alle ore 17:40.

mercoledì 20 dicembre 2017

ORARI DELLE S. MESSE E DELLE CELEBRAZIONI LITURGICHE NELLE PROSSIME FESTE

Si divulgano gli orari delle S. Messe e delle cerimonie liturgiche che si svolgeranno nelle prossime festività natalizie nella Toscana ecclesiastica, secondo quanto ci è stato comunicato dai responsabili dei cœtus fidelium appartenenti al nostro Coordinamento.

FIRENZE

Chiesa di S. Francesco Poverino in piazza della SS. Annunziata:
Domenica 24 dicembre: h. 10:00, S. Messa della Vigilia di Natale
        h. 23:50, S. Messa della Notte di Natale (cantata)
Lunedì 25 dicembre:       h. 10:00, S. Messa del Giorno di Natale
Domenica 31 dicembre: h. 10:00, S. Messa della Domenica nell’Ottava di Natale
Lunedì 1° gennaio: h. 10:00, S. Messa dell’Ottava di Natale
Sabato 6 gennaio: h. 10:00, S. Messa dell’Epifania
Domenica 7 gennaio:      h. 10:00, S. Messa della Festa della S. Famiglia

Chiesa dei SS. Michele e Gaetano in piazza Antinori:
Domenica 24 dicembre: h. 11:00, S. Messa della Vigilia di Natale
       (N.B.: la Messa delle ore 19.00 non verrà celebrata)
        h. 21:30, Mattutino di Natale
        h. 23:45, S. Messa solenne della Notte di Natale
Lunedì 25 dicembre: h. 11:00, S. Messa del Giorno di Natale
        h. 18:00, Vespri di Natale
Martedì 26 dicembre:     h. 11:00, S. Messa della Festa di S. Stefano Protomartire
       (N.B.: per il resto della giornata la chiesa resterà chiusa)
Dal 27 al 30 dicembre: orari abituali
Domenica 31 dicembre: h. 11:00, S. Messa della Domenica nell’Ottava di Natale (cantata)
        h. 18:30, S. Messa e canto del Te Deum
Lunedì 1° gennaio: h. 10:00, S. Messa dell’Ottava di Natale (cantata)
        h. 19:00, S. Messa
Dal 2 al 4 gennaio h. 18:30, S. Messa
Venerdì 5 gennaio h: 11:00, S. Messa del Primo Venerdì del mese
Sabato 6 gennaio: h. 11:00, S. Messa dell’Epifania (cantata)
        h. 19:00, S. Messa
Domenica 7 gennaio: h. 11:00, S. Messa della Festa della S. Famiglia
        h. 19:00, S. Messa

PISTOIA

Chiesa di S. Vitale in via della Madonna
Domenica 24 dicembre: h. 18:00, S. Messa della Vigilia di Natale
Lunedì 25 dicembre: h. 18:00, S. Messa del Giorno di Natale
Domenica 31 dicembre: h. 18:00, S. Messa della Domenica nell’Ottava di Natale
Lunedì 1° gennaio: h. 18:00, S. Messa dell’Ottava di Natale
Sabato 6 gennaio: h. 18:00, S. Messa dell’Epifania
Domenica 7 gennaio: h. 18:00, S. Messa della Festa della S. Famiglia


PISA

Chiesa di S. Apollonia in via S. Apollonia
Sabato 30 dicembre, h. 18:00, S. Messa della Domenica nell'Ottava di Natale (prefestiva)
Venerdì 5 gennaio, h. 18:00, S. Messa dell'Epifania (prefestiva)

N.B. Per impegni del celebrante, NON saranno celebrate le S. Messe per il Natale, l'Ottava (1° gennaio) e la Festa della S. Famiglia (domenica 7 gennaio). A partire da sabato 13 gennaio, riprenderà regolarmente la celebrazione della S. Messa "prefestiva" della Domenica, come di consueto alle ore 18:00, preceduta dalla recita del S. Rosario alle ore 17:40.

BIENTINA (PI)

Chiesa di S. Domenico in piazzetta dei Portici
Sabato 23 dicembre: h. 18:30, S. Messa della Vigilia di Natale (prefestiva)
Martedì 26 dicembre: h. 18:30, S. Messa della Festa di S. Stefano Protomartire
Sabato 30 dicembre:         h. 18:30, S. Messa della Domenica nell’Ottava di Natale
Venerdì 5 gennaio:         h. 18:30, S. Messa dell’Epifania (prefestiva)
Domenica 7 gennaio: h. 18:30, S. Messa della Festa della S. Famiglia
N.B.: Per impegni del celebrante, non saranno celebrate Messe nei giorni di Natale e dell’Ottava (1° gennaio)

LIVORNO

Cappella di S. Giuseppe dell’Ospedale in viale Alfieri
Domenica 24 dicembre: h. 11:15, S. Messa della Vigilia di Natale
        h. 23:00, S. Messa della Notte di Natale
Lunedì 25 dicembre: h. 11:15, S. Messa del Giorno di Natale
Dal 27 al 29 dicembre: h. 18:15, S. Messa alla Villa del S. Cuore in via Numa Campi
Sabato 30 dicembre h. 11:30, S. Messa alla Villa del S. Cuore in via Numa Campi
Domenica 31 dicembre: h. 11:15, S. Messa della Domenica nell’Ottava di Natale
        h. 18:00, esposizione del SS. Sacramento e canto del Te Deum  alla         Villa del S. Cuore in via Numa Campi. Seguirà cena condivisa
Lunedì 1° gennaio: h. 11:15, canto del Veni Creator e S. Messa dell’Ottava di Natale
Dal 2 al 5 gennaio h. 17:30, esposizione del SS. Sacramento e recita del S. Rosario
        h. 18:15, S. Messa
Sabato 6 gennaio: h. 11:15, S. Messa dell’Epifania
Domenica 7 gennaio: h. 11:15, S. Messa della Festa della S. Famiglia

LUCCA

Chiesa dei Cappuccini in via della Chiesa a Monte San Quirico
Domenica 24 dicembre: h. 8:30, S. Messa della Vigilia di Natale
Lunedì 25 dicembre: h. 8:30, S. Messa del Giorno di Natale
Domenica 31 dicembre: h. 8:30, S. Messa della Domenica nell’Ottava di Natale
Sabato 6 gennaio: h. 8:30, S. Messa dell’Epifania
Domenica 7 gennaio: h. 8:30, S. Messa della Festa della S. Famiglia
N.B.: Per impegni del celebrante, non sarà celebrata Messa nel giorno dell’Ottava di Natale (1° gennaio)

ISTIA D’OMBRONE (GR)


Chiesa di S. Sebastiano in via S. Sebastiano
Mercoledì 20 dicembre: h. 18:00, esposizione del SS. Sacramento e Novena di Natale
Mercoledì 27 dicembre: h. 18:00, S. Messa della Festa di S. Giovanni Evangelista; seguirà cena conviviale
Venerdì 5 gennaio: h. 18:00, S. Messa del Primo Venerdì del mese

Il Coordinamento augura un santo Natale e un ottimo 2018 a tutti i suoi appartenenti e a tutti gli amici della S. Tradizione.



mercoledì 6 dicembre 2017

Variazione di orario a Pisa per il giorno 9 dicembre

AVVISO

Il giorno 9 dicembre a Pisa, presso la chiesa di S. Apollonia, la S. Messa sarà eccezionalmente celebrata alle ore 18:30 invece che alle ore 18 a causa di importanti impegni del celebrante.
La S. Messa, prefestiva, sarà quella della Domenica II di Avvento.


S. Messe per l'Immacolata a Firenze e a Pisa

AVVISO

In occasione della festa dell'Immacolata Concezione della B.V. Maria, si dà notizia delle seguenti celebrazioni della S. Messa.

Il giorno 7 dicembre a Pisa, presso la chiesa di S. Apollonia, S. Messa cantata alle ore 18 (prefestiva, recita del S. Rosario alle ore 17:40).
Il giorno 8 dicembre a Firenze, presso la chiesa dei SS. Michele e Gaetano (I.C.R.S.P.), S. Messa cantata alle ore 11 e S. Messa letta alle ore 18.



domenica 3 dicembre 2017

Bientina: S. Messa cantata per l'Immacolata.

Chiesa di San Domenico, piazzetta dei Portici, Bientina (PI).
Santa Messa cantata per la festa dell'Immacolata concezione della beata Maria vergine.
Giovedì 7 dicembre 2017, ore 18:30.
La celebrazione sarà preceduta, alle 18:00, dalla recita in forma solenne del S. Rosario, dalla Novena dell'Immacolata con il canto del Tota Pulchra, e dalle confessioni.




sabato 2 dicembre 2017

Sermone di Mons. Athanasius Schneider, Domenica 8 ottobre 2017, XVIII post Pentecosten

Divulghiamo il testo della predicazione di Mons. Athanasius Schneider in occasione della celebrazione della S. Messa per la Domenica XVIII post Pentecosten presso la cappella di San Giuseppe all'Ospedale di Livorno, affidata all'Apostolato dell'Istituto Cristo Re e Sommo Sacerdote. Mons. Schneider, dopo il suo intervento al Pellegrinaggio regionale toscano del giorno precedente, si è trattenuto a Livorno presso l'Apostolato dell'ICRSP.
Ringraziamo ancora una volta Mons. Schneider per la sua partecipazione al Pellegrinaggio e per l'impegno apostolico dei discorsi che vi ha pronunciato, ma altresì per averci accordato di divulgare le sue preziose parole.

















La fede cattolica: un dono inestimabile

«Sii fedele fino alla morte ed Io ti darò la corona della vita» (Apc. 2,10). Queste parole del Nostro Signore rappresentano un santo compito per ogni cristiano. Per il fedele, questo significa mantenere la fede, infusa nell’anima per il Dio Uno e Trino, in tutta la sua integrità, purezza e bellezza senza alterarla. «La parola Credo vuol dire: io tengo per verissimo tutto quello che in questi dodici articoli si contiene: e credo più fermamente queste cose, che se le vedessi cogli occhi miei, perché le ha rivelate Iddio, che non può ingannarsi, né ingannare, alla santa Chiesa cattolica e per mezzo di essa le rivela anche a noi.» (S. Pío X, Catechismo maggiore).

San Tommaso d’Aquino dice: «Nell’assentire alla fede, l’uomo si eleva al di sopra della sua natura» (Somma teologica, II-II, q. 6, a. 1 c). Il principio della fede non sta in noi per mezzo della natura, ma è un dono soprannaturale di Dio. Coloro, che non appartengono alla Chiesa di Cristo non hanno la fede soprannaturale (cf. II Concilio de Orange, can. 5).

Solamente la fede cattolica possiede integralmente la fede divina. Il beato John Henry Newman affermò: «La Chiesa cattolica è vostra unica opportunità di trovare la pace e la tranquillità in questo mondo agitato e mutevole. Dimenticate il cattolicesimo, e in una terribile, però inevitabile successione aprirete la porta al protestantesimo, al panteismo e al scetticismo nella vostra vita. O, cuori inquieti e intelletti cavillosi, che cercate un vangelo più salutifero del Redentore e una creazione più perfetta del Creatore!» (Discorsi sulla fede, 13). E san Tommaso d’Aquino dice “il peccato dell’incredulità è maggiore di qualche altro peccato morale» (Somma teologica, II-II, q. 10, a. 3 c). 

Sempre si avrà un confronto inesorabile tra il mondo e la fede, come lo segnalò il beato John Henry Newman: “Quale è la religione del mondo oggi? Il mondo ha adottato la parte più positiva del Vangelo: il suo annunzio di consolazione, i suoi precetti d’amore; invece tutti gli aspetti più seri e profondi della condizione e del futuro dell’uomo sono stati dimenticati. Questa è la religione naturale, e Satana ha saputo molto bene camuffarla e trasformandola in un idolo. Tutto è diventato gioioso e ottimista. La religione è comoda e piacevole. La benevolenza è la maggiore delle virtù, mentre lo zelo per la fede è considerato come uno dei maggiori peccati. La stessa fermezza della fede si vede con ostilità e sospetto. Dall’altro lato si approva ogni forma di libertinaggio. … In ultima analisi si tratta di un insegnamento solo parzialmente evangelico, costruito sopra i cimenti mondani che si fanno passare per il Vangelo, eliminando tutta una parte del Vangelo, il suo carattere austero, considerando sufficiente essere benevolo e cortese. Tutto questo si fa senza il vero timore di Dio, senza un zelo ardente per l’onore di Dio, senza una profonda avversione al peccato, senza sentire indignazione e dolore dinanzi alle blasfemie degli eretici. In breve: una tale religione è senza serietà, dove non si è né freddi, né caldi, ma tiepidi. La Santa Chiesa di Dio è e sarà sempre disprezzata dal mondo, pur mantenendo la sua influenza nel mondo» (Parochial sermons, I, 24).

La salvezza dell’anima trascende tutta la realtà temporale e terrena, come ha detto il beato John Henry Newman: La Chiesa “considera questo mondo e tutto ciò che egli contiene, una semplice ombra, polvere e ceneri in paragone con il valore di una sola anima”. Per la Chiesa vale più salvare l’anima di un bandito di fare diverse opere nell’ambito temporale e sociale (cf. Certain difficulties felt by Anglicans in catholic teaching, II, 8).

Il beato John Henry Newman ha già avvertito sulla confusione tra la verità e la menzogna, operata tramite un falso ecumenismo: «Mai la Santa Chiesa aveva avuto tanto bisogno di combattenti che contrastino lo spirito del liberalismo religioso. Il liberalismo religioso è la dottrina secondo la quale non c’è verità certa in materia di religione, ma che un credo vale tanto quanto un altro. Dicono che la religione cattolica non è la verità, ma un mero sentimento e un gusto. Dicono che la devozione non si deve appoggiare necessariamente sulla fede e che uno può andare sia in una chiesa protestante che in una Chiesa cattolica. Si può fraternizzare nelle idee e nel sentire spirituale senza avere dottrina in comune né vedere la necessità delle dottrine certe.» (Discorso del Biglietto, 12 magio 1879).

Il beato John Henry Newman pronunziò profeticamente le seguenti parole già nel secolo diciannovesimo: «Non c’è dubbio che esiste oggi una coalizione del male che sta organizzando il suo esercito in tutto il mondo, e circonda la Chiesa come una rete, preparando il terreno per una apostasia generale. Dio non voglia che siamo così ingenui da cadere nella trappola che ci stanno preparando» (Discussions and arguments on various subjects, 2).

San Giovanni Maria Vianney, il curato di Ars diceva: “Chi non ha la fede ha l’anima ben più cieca di coloro che non hanno occhi. Viviamo in questo mondo come avvolti nella nebbia; ma la fede è il vento che dilegua la nebbia e che fa splendere sulla nostra anima un bel sole. Quando non si ha fede, si è ciechi. Chi non vede, non conosce; chi non conosce, non ama; chi non ama Dio, ama se stesso e i piaceri della vita. Egli lega il suo cuore a cose che passano come una nube di fumo. Quando diciamo: “Mio Dio, io credo, credo fermamente, vale a dire senza il minimo dubbio, senza la minima esitazione…” oh! Se ci lasciassimo inondare da queste parole: “Credo fermamente che tu sei presente ovunque, che tu mi vedi, che il tuo sguardo è su di me che un giorno ti vedrò chiaramente di persona, che godrò di tutti i beni che mi hai promesso! Mio Dio, spero che mi ricompenserai di tutto ciò che avrò fatto per esserti gradito! Mio Dio, ti amo! E’ per amare te che ho un cuore!” oh! Basterebbe questo atto di fede, che è al tempo stesso anche un atto d’amore!”

G.K. Chesterton, uno dei più grandi apologeti cattolici del nostro tempo, formulò questa verità: “La Chiesa cattolica è l’unica che salva l’uomo dalla degradante servitù di essere un figlio del suo tempo.» (The Catholic Church and conversion).

La fede cattolica, e in concreto la fede cattolica pura e integra, è il più grande tesoro che Dio ci ha depositato nell’anima nel momento del battesimo. Immediatamente prima del battesimo ci hanno fatto queste domande: “Cosa tu domandi alla Chiesa? (Quid petis ab Ecclesia?)”; e nostri padrini hanno risposto, o noi stessi se eravamo adulti, con queste due parole decisive: “La fede (fidem)”. Questa fede significa la fede cattolica, pura e integra. E la seguente domanda era: “Cosa ti dà la fede?». Anche questa volta la risposta era molte breve, decisiva e insuperabile: “La vita eterna (vitam aeternam)”. E nostro Signore dice a ciascuno di noi: «Sii fedele fino alla morte ed Io ti darò la corona della vita» (Apoc. 2,10). Amen.